E’ tornato The Boss!

Grande singolo in anteprima dell’album “Wrecking Ball” di Bruce Springsteen che uscirà il 06 marzo 2012.

Annunci

La terra trema

Assago Milanofiori 25 gennaio 2012 – Sembra un normalissimo mercoledì di gennaio. Metropolitana, canzoni nelle cuffie, colleghi in banchina e si passa il badge come sempre alla timbratrice per segnare il nostro arrivo in ufficio.

Siamo alle prime battute, squilla già qualche telefono, si preparano le pratiche… ma alle 9.05 è arrivato il terremoto con epicentro a Poviglio (RE), scossa magnitudo 4.9.

Incredibilmente la natura prende il sopravvento su di noi, ci pervade quella sensazione di impotenza nei confronti del mondo che ci circonda. I palazzi e gli uffici attorno al nostro cominciano a svuotarsi e il prato di Milanofiori si riempie di persone in preda a sensazioni da dover raccontare al più presto. A noi non vien dato nessun segnale d’evacuazione. E ci chiediamo se il sistema di sicurezza aziendale funzioni veramente.

La giornata un poco alla volta torna alla normalità, il tema terremoto rimane un leight-motiv per tutta la durata della giornata lavorativa e ci rendiamo conto di essere fortunati a non abitare in una zona altamente sismica.

 

Comune di Milano – Area C – “C” come cambiamento?

Dal 16 gennaio, Milano ha adottato “in prova” l’Area C, un nuovo sistema di controllo degli ingressi automobilistici nel centro storico della città. Dalle 07.30 alle 19.30 è in vigore l’obbligo per i mezzi privati di acquistare un ticket del costo di € 5,00 per entrare nella ZTL Cerchia dei Bastioni (centro storico di Milano).

Da lunedì, gli ingressi dei veicoli dalle 7:30 alle 12:30 sono passati da 56.000 a 37.600. La limitazione delle auto nel centro città ha fatto lievitare le presenze nei parcheggi di periferia (tutti pieni) e crollare quelli nei parcheggi in centro.

Il numero dei passeggeri sulle 3 linee metropolitane è salito del 6% nelle ore di punta della mattina, fino alle 10. Nel frattempo in superficie, il bike sharing è aumentato del 10% (nonostante il freddo gelido).

Per quanto mi riguarda questa nuova misura è sicuramente positiva per una città in cui troppo spesso si trova una scusa per utilizzare i mezzi privati nel centro storico. Spero che questa manovra serva soprattutto a potenziare e migliorare la rete dei mezzi pubblici milanese, che purtroppo lascia un pò a desiderare. Mi auguro che nella filosofia dei milanesi si impianti un nuovo stile di vita eco-trendy. Comune, Polizia stradale e ATM devono attivarsi per costruire piste ciclabili ad hoc, sulle quali andare in bicicletta non significa rischiare la propria vita, ma percorrere piccole distanze non inquinando.

10 hotel che hanno saputo stupirmi

1 – Casa Camper – Barcellona (Spagna) – agosto 2008 – Sicuramente è l’hotel più trendy nel quale ho soggiornato. Incarna perfettamente lo stile design e anticonformista del marchio di scarpe spagnolo. Le camere dipinte completamente di rosso sono accoglienti a  tal punto da offrirti un’amaca per rilassarti. Snack bar aperto 24 ore compreso nel prezzo della camera e bellissima terrazza panoramica nel cuore della città.

2 – Marriott Hotel County Hall – Londra (Gran Bretagna) – marzo 2010 – Vecchia sede della County Hall, ai piedi della London Eye. Con un pizzico di fortuna, la nostra camera si affacciava sul Tamigi e la vista era tutta sul Big Ben. Spettacolo unico. Incredibile svegliarsi con i rintocchi del campanile più famoso del mondo.

3 – Serena Beach Hotel – Mombasa (Kenya) – gennaio 2000 – La mia Africa offre scenari indimenticabili e sicuramente si apprezzano meglio in una delle più belle strutture sull’Oceano Indiano. Speciale alzarsi la mattina presto, fare il bagno in acque cristalline e poi fare colazione vista oceano a base di frutta tropicale. Non potrò mai dimenticare l’abbondanza di aragosta della cena di Capodanno.

4 – Hotel Sofitel Legend Old Cataract – Assuan (Egitto) – aprile 1992 – E’ il luogo dove per un attimo ci si può sentire come Agatha Christie mentre scrive “Assassinio sul Nilo”. Bellissima l’escursione in barca a vela sul Nilo per l’Isola Elefantina. Un Egitto che spesso si tende a dimenticare.

5 – Intercontinental Hotel Times Square – New York (USA) – gennaio 2011 – Purtroppo l’accoglienza ricevuta in questo hotel è stata troppo cinematografica… ma sicuramente a New York tutto è come in un film. Hotel centralissimo e nuovissimo. Personale cortese e disponibile. La vista dal 27esimo piano su Manhattan era da cartolina.

6 – Magnolia Hotel – Salou (Spagna) – agosto 2008 – Località della costa Daurada troppo affollata e poco graziosa, ma in questo modernissimo hotel si ritrova tutta la pace ricercata. Piscina privata con acqua marina, camere dotate di ogni comfort e con bagni spaziosi, gustose e originali cene, personale accogliente, ottima qualità/prezzo.

7 – Hotel Clevelander – Miami South Beach (USA) – gennaio 2011 – Se a Miami si vuole vivere la movida al 100%, il Clevelander è l’hotel giusto. Situato sull’Ocean Drive, è una location per numerose feste. Siamo stati ospitati nella modernissima e spaziosissima Rockstar Suite, con un terrazzino che si affacciava sui pool parties e ovviamente sull’Oceano. Unico neo, le camere erano prive di cassaforte di sicurezza.

8 – The Knightsbridge Hotel – Londra (Gran Bretagna) – gennaio 2010 – Londra a Capodanno è meravigliosa. Il Knightsbridge è un boutique hotel a due passi da Harrods. Accogliente il benvenuto con fiori e cioccolatini e affascinante la hall con camino e libri da prendere in prestito.

9 – Hotel Delta Centre-Ville – Montréal (Canada) – agosto 2006 – Bellissima vista su tutta Montréal. E’ bello scoprire una città camminando e perdendosi nelle sue vie, e poi dall’alto cercare di capire dove sono i punti toccati durante la scoperta. Degno di nota l’ascensore di vetro che attraversa tutto l’hotel (compresa la piscina la primo piano).

10 – Apex City Hotel – Edimburgo (Scozia) – agosto 2007 – In generale, le strutture ricettive scozzesi non sono state di mio gradimento. Per l’Apex a Grassmarket mi sono dovuta ricredere. Stile minimal (in qualche caso forse un pò troppo), posizione centrale, vista d’angolo sul castello di Edimburgo (abbiamo visto comodamente i fuochi d’artificio del Military Tattoo) e ambiente giovanile.

La mia Africa….

Oggi è stata una giornata molto africana… a partire dal collegamento di Unomattina con Nairobi fino al film di questa sera “La vita facile” girato in Kenya.

Mal d’Africa che si prova dopo aver visto lunghe file di elefanti sotto al Kilimangiaro, dopo aver scoperto il fenomeno delle maree dell’Oceano Indiano, dopo aver percorso strade di terra rossa con i tipici matatu, dopo aver sentito sulla pelle l’umidità del clima equatoriale, dopo aver attraversato il Masai Mara alla scoperta dei Big Five, dopo essere svegliati dalle scimmiette, dopo aver fatto colazione con le papaye e i manghi, dopo aver capito che il sorriso di un bambino è la felicità più grande ….

Si riparte…. con i buoni propositi per l’anno nuovo!

Le feste sono finite e in un attimo le palline di Natale e i Presepi sono tornati negli scatoloni in cantina.

Le città ricominciano a brulicare di bambini che vanno a scuola, di mamme che corrono cercando di non dimenticare gli impegni, di uomini d’affari stressati in mezzo al traffico e di studenti alle prese con esami preparati sulle piste da sci.

E come da tradizione si riparte con i buoni propositi per l’anno nuovo…. in primis ritornare alla forma fisica “prima delle feste”. Se fino a 2 giorni fa’ un piatto di pizzoccheri valtellinesi veniva divorato in un nanosecondo, oggi si sceglie petto di pollo, filetto di nasello oppure l’intramontabile insalatona. Ovviamente tutti in palestra oppure a praticare lo sport preferito perché da adesso in poi si vive con il trauma della prova costume….

Quest’anno, tra crisi e profezie Maya, ci si sente più propensi a godere ogni momento che arriva senza pensare al domani così incerto. I calendari alla mano guardiamo quando ci sarà il prossimo ponte, se la Pasqua è alta e bassa e per i più lungimiranti nascono idee e progetti per le vacanze estive.

Il mio augurio per questo 2012 è di vivere un anno felice, di amore sereno, di viaggi e trend nuovi che mi facciano “crescere” e riempire ogni giorno che passa la mia valigia delle “esperienze”.

 

 

Pixar – 25 anni di animazione – PAC (Milano)

Se siete in giro per Milano, siete stanchi dei soliti negozi e del freddo… cogliete l’occasione per festeggiare i 25 anni della Pixar andando a visitare la mostra Pixar al PAC.

E’ un percorso di 500 opere, tra cui dipinti, sculture e installazioni che descrivono la storia e i personaggi del celebre studio d’animazione statunitense. Per dar vita ai personaggi , gli artisti utilizzano prima il disegno, i colori a tempera e i pastelli per proseguire con le tecniche di digital media. Ho apprezzato in particolar modo le sculture degli Incredibili (e della mitica Elastigirl).

Sono presenti due speciali installazioni: Zoetrope e Artscape, che utilizzano la tecnologia digitale per far rivivere le opere nel percorso espositivo e ricreare l’emozione dell’animazione.

La mostra terminerà il 14 febbraio 2012.